Alla scoperta dei tappeti Gabbeh e Kilim

I tappeti persiani sono famosi per prendere il nome dalla provincia o dai villaggi in cui vengono intrecciati. In questo modo hanno origine i tappeti Nain, Kerman, Tabriz o i tappeti Heriz. Oppure, i tappeti prendono il nome dalle popolazioni che li creano, come i tappeti Yalameh, tipici delle popolazioni nomadi turche della provincia di Fars.

Ma ci sono due tipi di tappeto che non seguono questa classificazione. Scopriamo insieme la storia, le caratteristiche, e come riconoscere i tappeti Gabbeh e Kilim.

I tappeti persiani Gabbeh

tappeto persiano orientale gabbeh blu geometrico astratto

I tappeti Gabbeh sono i tappeti annodati a mano dai nomadi più famosi tra i tappeti persiani iraniani. La parola “Gabbeh”, dal farsi, significa “grezzo, naturale”, quindi, come si intuisce osservando la manifattura il termine non si riferisce alla regione o alla popolazione che li intreccia.

I tappeti Gabbeh persiani sono infatti annodati dai nomadi Ghashghai nella provincia sud-occidentale Farsi dell’Iran, ma alcune manifatture si trovano oggi anche in India. Il nome, invece, deriva dal modo in cui sono realizzati, con motivi semplici, naïf e pochi dettagli decorativi perlopiù astratti. Anche quando riproducono animali, le linee sono infatti perlopiù rettangolari e geometriche.

I nodi vanno da 40 mila ai 170 mila per metro quadrato, proprio per la loro tradizione nomade. I tappeti Gabbeh sono nati per essere veloci da realizzare, maneggevoli, ed essere impiegati anche come coperte, materassi, e selle nei formati più piccoli. Sono composti da lana filata a mano per l’ordito e la trama, solitamente due per ogni fila di nodi simmetrici, e risultano molto più robusti di altri tappeti. In alcuni casi raggiungono infatti anche i 2,5 cm di spessore, per dimensioni tutto sommato medie, 90×150 cm o più grandi.

Il vero elemento decorativo dei tappeti Gabbeh sono i colori, vivaci e in campo aperto, come il giallo e il rosso, spesso in grandi macchie di colore. Uno stile decorativo che negli ultimi tempi si è ulteriormente semplificato puntando sempre più la propria estetica sul colore, tralasciando ogni elemento figurativo. Per questo oggi sono molto apprezzati per decorare stanze dal design minimalista e stile moderno. Complici anche i prezzi: i tappeti Gabbeh moderni, nelle loro varie denominazioni Gabbeh Basic, sono meno costosi rispetto ad altre varietà di tappeti persiani.

I tappeti orientali kilim

tappeti persiani orientali kilim in lana, rosso con disegni geometrici crema, oro e blu

La parola “kilim”, o “kelim”, che designa gli omonimi tappeti, non deriva da un luogo o una popolazione rinomati per la sua produzione. I tappeti kilim, infatti, vengono prodotti non solo in Iran, ma anche in Afghanistan e Turchia.

Il termine “kilim” è una parola turca che indica la tecnica usata per le decorazioni e il tipico motivo geometrico e floreale con dettagli squadrati. Si tratta infatti di tappeti senza vello, realizzati incrociando il filo verticale dell’ordito a quello orizzontale della trama per creare una superficie piatta e leggera. Questo li rende meno costosi, perché più semplici da lavorare rispetto a quelli annodati. E li rende anche double-face, e incredibilmente versatili: negli ambienti minimalisti possono essere appesi al posto di un quadro, o usati come copriletto per dare un aspetto orientale alla casa.

Lo stile, i colori, e i motivi si differenziano sulla base della zona di provenienza del tappeto. I tappeti kilim persiani, dai Kelim Sumakh, ai Senneh, Fars o Qashqai, sono influenzati dai motivi tipici dei tappeti persiani tradizionali. Medaglioni centrali, motivi geometrici e disegni floreali intricati, dunque, al contrario dei tappeti kilim turchi Yuruk, apprezzati per i loro disegni tribali.

I Kilim afghani, tra tutti i Galmur, Maimane e Maliki, risentono invece della vicinanza dei nomadi beluci, e dei loro kilim dai colori tradizionalmente brillanti. I tappeti kilim afghani Golbarjasta, infine, presentano zone e dettagli in rilievo particolarmente decorativi.

Ciò che accomuna tutti i tappeti kilim è la realizzazione con materiali naturali. Lana, a volte seta per l’ordito, se sono pregiati, e colori vegetali o minerali che donano al tappeto un aspetto naturale. Naturalmente, bisogna accertarsi, come per tutti i tappeti antichi e orientali, che si tratti di tappeti originali.

Per avere questa certezza, potete acquistare i vostri tappeti nello showroom Artorient a Milano, oppure, se vivete fuori provincia, online sul sito internet Arazihome. Tutti i tappeti antichi di Artorient, l’unico outlet del tappeto della Lombardia, sono corredati di certificato di autenticità. Nel nostro vastissimo assortimento di oltre 25 mila tappeti in 3mila metri quadrati di spazio espositivo troverete tappeti annodati a mano in pronta consegna di tutte le provenienze (kilm afghani, tappeti nain, heriz, tappeti indiani o cinesi). Venite a trovarci in negozio, oppure sfogliate il catalogo, e trovate il tappeto più adatto a voi e al vostro stile.

Ultimi articoli